PALCOSCENICI D’ESTATE – CAGLIARI – 31 AGOSTO – 8 SETTEMBRE Reviewed by admin on . Fascino e poesia d'intrecci tra parole e note e spunti di gioco e riflessione nei “Palcoscenici d'Estate” firmati dal Teatro del Segno - a Quartu Sant'Elena, ne Fascino e poesia d'intrecci tra parole e note e spunti di gioco e riflessione nei “Palcoscenici d'Estate” firmati dal Teatro del Segno - a Quartu Sant'Elena, ne Rating:

PALCOSCENICI D’ESTATE – CAGLIARI – 31 AGOSTO – 8 SETTEMBRE

Fascino e poesia d’intrecci tra parole e note e spunti di gioco e riflessione nei “Palcoscenici d’Estate” firmati dal Teatro del Segno – a Quartu Sant’Elena, nell’ex Caserma dei Carabinieri di via Roma – per un trittico che accosta l’allegro e coinvolgente divertissement di “Rodari… per tutto l’anno…” venerdì 31 agosto alle 19 all’ironia e le incantevoli alchimie sonore di “Sighi Singin’” di Rossella Faa (sempre venerdì 31 agosto ma alle 21.30) e ancora il racconto intimo e struggente dell’ex sindaco di Balonia – sabato 8 settembre alle 21.30 – per l’affresco di un’altra Sardegna ne “Il Sogno Svanito”.

Teatro e Musica per la Città di Quartu con la rassegna, incastonata nel ricco cartellone di Quartu colora l’Estate 2012, che segue il fil rouge delle melodie per dipingere delicate e profonde emozioni fino a costruire una vera e propria drammaturgia in cui arcaiche polifonie s’innestano sulle vibrazioni di una chitarra a suggerire le atmosfere di un paese in bilico fra tradizione e modernità.

L’ideale sipario dei “Palcoscenici d’Estate” si aprirà venerdì 31 agosto alle 19 nell’ex Caserma (in via Roma 30) a Quartu sulle vivaci rime e filastrocche e moderne fiabe di “Rodari… per tutto l’anno…”, animazione teatrale per bambini e ragazzi – con Alessandra Leo e Stefano Ledda – ispirata a “I cinque libri” del grande scrittore per l’infanzia (Premio Andersen 1970), inventore della “grammatica della fantasia”. Tra letture e buffe gags i due attori condurranno gli spettatori – grandi e piccini – in un divertente e divertito itinerario alla (ri)scoperta delle “Filastrocche in cielo e in terra” e delle deliziose “Favole al telefono”, sfogliando idealmente “Il libro degli errori” tra le invenzioni linguistiche e le sollecitazioni dell’immaginario di “C’era due volte il barone Lamberto” e “Il gioco dei quattro cantoni”.

Sarà poi l’istrionica performer, compositrice, cantante e attrice Rossella Faa a tenere banco, sempre venerdì 31 agosto dalle 21.30 sulle metriche intriganti del suo “Sighi Singin’”, il nuovo progetto musicale – dedicato a “le paure delle donne” già diventato un disco e un libro/cd (edito da Tiligù / Teatro del Segno). Sotto i riflettori insieme a Giacomo Deiana alla chitarra con Nicola Cossu al contrabbasso e Massimo Russino dietro piatti e tamburi, l’eclettica cantastorie di Masullas (al suo attivo vari albums, importanti collaborazioni con artisti come Piero Marras e Elena Ledda, Peo Alfonsi e Alessandro di Liberto, la creazione di colonne sonore per il teatro e di pezzi per le Balentes) racconterà di strani incontri e difficili convivenze con… topi, ragni e altri “animali”. A tempo di jazz o a ritmo di salsa, tra bossa nova e rock, reggae e pop, Rossella Faa dipinge un variopinto affresco di temperamenti e comportamenti femminili tra antichi e nuovi timori: donne moderne alle prese con specchi incantati, ma soprattutto ratti parlanti e blatte cosmopolite, e poi gelosie, illusioni e disillusioni per un percorso nei labirinti della mente e del cuore dell’altra metà del cielo. In una mescolanza di italiano, sardo e inglese fra citazioni di Salvatore Satta e Zygmunt Baumann e più prosaiche e schiette affermazioni di Sig.ra Rosa o Laura S. per affrontare le ansie della vita quotidiana in forma di canzoni, con sdrammatizzante e salvifico umorismo.

Suggellerà “Palcoscenici d’Estate” – sempre nella cornice dell’ex Caserma dei Carabinieri nel centro storico di Quartu Sant’Elena sabato 8 settembre alle 21.30 (in luogo dell’annunciato “B.t.B. – una storia di jazz”) la mise en scéne de “Il Sogno Svanito” dello scrittore e poeta lussurgese Antonio Cossu: la voce narrante di Stefano Ledda (che firma anche drammaturgia e regia) per un dolceamaro percorso nei ricordi, tra l’antica passione politica e il senso della realtà, si fonde alle sonorità arcaiche del canto de Su Cuncordu Lussurzesu, come un “fiume carsico” che impreziosisce la narrazione e s’intreccia a note e accordi (e effetti) della chitarra di Andrea Congia. Sottotitolo esplicativo – “di chi è l’acqua” – per una riflessione fra passato e presente su uno dei temi scottanti dell’attualità, la salvaguardia delle risorse naturali e dell’ambiente a fronte del pericoloso (e in questo caso più che mai ingannevole) miraggio dell’industrializzazione e un’indagine tra le contraddizioni dell’animo umano, in una personale e necessaria ricerca della verità.

Dove
Ex Caserma dei Carabinieri, Via Roma 30, Quartu Sant’Elena

Quando
Da venerdì 31 agosto a sabato 8 settembre 2012

Info e contatti
Tel.: 070680229 – 3929779211
Email: uff.distribuzione@teatrodelsegno.com
Sito web: www.teatrodelsegno.com

http://www.comune.quartusantelena.ca.it/notizia.php?id=712

Ingresso libero

Leave a Comment

© 2015 kalariseventi.com All rights reserved

Scroll to top