CAPODANNO 2020 A CAGLIARI CON VINICIO CAPOSSELA – PROGRAMMA COMPLETO – MARTEDI 31 DICEMBRE 2019 Reviewed by admin on . La formula che ormai si conferma di grande successo, è quella di proporre diversi generi musicali in Piazza Yenne, Piazza San Giacomo, Bastione di Santa Croce, La formula che ormai si conferma di grande successo, è quella di proporre diversi generi musicali in Piazza Yenne, Piazza San Giacomo, Bastione di Santa Croce, Rating: 0

CAPODANNO 2020 A CAGLIARI CON VINICIO CAPOSSELA – PROGRAMMA COMPLETO – MARTEDI 31 DICEMBRE 2019

capodanno_cagliari_2020La formula che ormai si conferma di grande successo, è quella di proporre diversi generi musicali in Piazza Yenne, Piazza San Giacomo, Bastione di Santa Croce, per una grande festa che si diffonderà in tutta la città.
L’obiettivo è ancora una volta quello di coinvolgere i cittadini e i turisti di tutte le fasce d’età che vorranno trascorrere le ultime ore dell’anno a Cagliari in una grande festa di piazza.
Quest’anno, ad accompagnare il countdown verso il nuovo anno e ad esibirsi in Piazza Yenne dalle 22.30, sarà il cantautore VINICIO CAPOSSELA. A seguire, DJ set con Dj Nicola Musu.
Al Bastione Santa Croce, dalle 22.30, si balla al ritmo delle hit più famose della musica pop e dance internazionale, proposte dalla band degli Smash Hits. Seguirà il DJset con DJ Bettosun.
Capodanno nel segno del jazz in Piazza San Giacomo, con il live della band Mambo Django ed il duo musicale Foxi & Herny.

Capodanno in Piazza Yenne a Cagliari

VINICIO CAPOSSELA (dalle h 22.30 alle h 00.05)

Cantautore, ri-trovatore, immaginatore, VINICIO CAPOSSELA (Hannover, 1965).

Debutta nel 1990 sotto l’egida di Renzo Fantini con il disco All’una e trentacinque circa, che gli vale la Targa Tenco, premio che gli verrà attribuito altre quattro volte negli anni successivi.
Dopo i primi dischi “pre-biografici”, come Modì (1992) e Camera a sud (1994), che ne confermano il talento in Italia e all’estero arriva Il ballo di San Vito (1996).
Nel 1998 primo live con Kocani Orkesta: Liveinvolvo. Del 2000 “Canzoni a Manovella” album di storia geografia e scienze. Nel 2004 pubblica con Feltrinelli “Non si muore tutte le mattine”. I lavori discografici successivi, Ovunque Proteggi (2006), Da Solo (2008) e Marinai Profeti e Balene (2011), si sviluppano intorno al mito, al rito, alla maschera, alla solitudine, all’epica, al destino, tematiche declinate in spettacoli di grande successo.
Del 2012 Rebetiko Gymnastas, sorta di social club del mediterraneo sulle musiche dell’assenza, registrato ad Atene con musicisti di rebetiko. Il rebetiko come forma di resistenza culturale alla crisi è oggetto anche di Tefteri (il Saggiatore) e Indebito, film documentario realizzato con Andrea Segre. Nel 2013 nascita di Sponz Fest e produzione di Primo ballo con Banda della posta, lavori sulla musica popolare da ballo. Dal mondo rurale dell’origine “il paese dei coppoloni”, candidato per Feltrinelli allo Strega (2015) e Canzoni della Cupa (2016), con la partecipazione di Giovanna Marini, Antonio Infantino, Los Lobos, Calexico, Flaco Jimenez a cui seguono due spettacoli teatrali sui temi dell’Ombra e dell’Inverno, un tour estivo di forte impronta folk, e una serie di pubblicazioni e concerti in diversi paesi del mondo.
L’artista ha vinto il prestigioso Premio Tenco 2017.
Nel 2018 tour con orchestra sinfonica “nell’Orcaestra”, e registrazioni di un nuovo lavoro.
di lungo corso, con collaborazioni inedite, sorta di cronache dal post medioevo, dal titolo Ballate per uomini e bestie. Ad aprile 2019 viene pubblicato il singolo Il povero Cristo che anticipa l’uscita del nuovo album. Il singolo è stato accompagnato dal video realizzato a Riace con la regia di Daniele Ciprì e la partecipazione straordinaria di Enrique Irazoqui e Marcello Fonte. Maggio 2019 vede Capossela impegnato nel tour americano Ballate per poveri cristi che tocca le città di Washington, Chicago e Detroit.
Venerdì 17 maggio 2019 esce Ballate per uomini e bestie (La Cùpa/Warner Music), il suo nuovo progetto discografico, l’undicesimo lavoro in studio. Definito dal suo autore “Un cantico per tutte le creature, per la molteplicità, per la frattura tra le specie e tra uomo e natura”, l’album è stato registrato tra Milano, Montecanto (Irpinia) e Sofia (Bulgaria) da Taketo Gohara e Niccolò Fornabaio, Alessandro Asso Stefana e Giuseppe De Angelis e si avvale della collaborazione di musicisti prestigiosi come Raffaele Tiseo, Stefano Nanni, Massimo Zamboni, Teho Teardo, Marc Ribot, Daniele Sepe, Jim White, Georgos Xylouris e l’Orchestra Nazionale della Radio Bulgara. Capossela ha ricevuto la Targa Tenco 2019 per Ballate per uomini e bestie nella categoria Miglior Disco in assoluto. È in corso il tour teatrale di Ballate per uomini e bestie che è stato anticipato da una serie di
concerti-atti unici e da alcune importanti date all’estero.
DJ NICOLA MUSU (dalle h 00.10 alle h 01.30)
Inizia a far girare dischi nella Milano da bere, in dancehall come Plastic, Merry Go Round
e soprattutto No Ties. Rientrato a Cagliari nei tardi anni 90 anima da resident locali come Linea Notturna e Ampurias, dando nuova vita al Funk e trastullandosi con la Disco.
Partecipa a diversi capodanno in piazza della città: Piazzetta Savoia è stato il suo regno esclusivo per anni la notte di San Silvestro.
Attualmente suona il Funk più nuovo ed esplosivo praticamente ovunque, Muzak Club, Caffè degli Spiriti, RadioX Social Club all’ ExMa, Old Square etc.

CAPODANNO AL BASTIONE SANTA CROCE

SMASH HITS (dalle h 22.30 alle h 00.05)
Gli SMASH HITS sono una cover band di Cagliari nata nel 2009 che propone le hit più famose della musica pop e dance internazionale, dagli anni 80 alle classifiche attuali: dai Duran Duran a Jamiroquai, da Madonna a David Guetta, da Bruno Mars a Britney Spears, da Kylie Minogue a Lady Gaga, passando anche per la italodisco tipica degli anni ’80 e la eurodance sfrenata che ha infiammato le discoteche degli anni ’90.
La band si esibisce sui palchi dei più importanti club e discoteche di Cagliari e hinterland: FBI, BFlat, 7Vizi, JKO, Frontemare, Greta’s, La Marinella, Sax Beach, Le Terrazze, Twist, tra gli altri.
La formazione è composta da:
ELISABETTA SECCI – voce
MARI PISANU – voce
MASSIMO BIGGIO – tastiere
BOBO SANTUS – chitarra
FABRIZIO PIRAS – basso
ROBERTO SERPE – percussioni
LUCA BARBIERI – batteria
DJ BETTOSUN (dalle h 00.10 alle h 01.30)
Nasce a Cagliari nel 1974, Bettosun inizia a comprare dischi dall’età di 15 anni, inizia a suonare come dj dai 20. Il suo sound è influenzato da più generi musicali ma preferisce l’elettronica con pads deep e tiro funk. Ha miscelato per le più importanti organizzazioni di musica elettronica sarde (Basstation e Nightsounds per citarne alcune ) e nei più importanti clubs dell’isola con qualche apparizione all’estero a Barcellona al Moog, City Hall e Macarena. Produce musica elettronica per la sua label Mono records fondata con Ness. Ha un progetto con il suo amico dj catalano Robert X (Ziggy Minds) con sonorità che ricordano il sound anni 80.
E’ titolare del Negozio di dischi Monomusicshop a Cagliari, punto di riferimento della scena elettronica locale per tutti gli appassionati vinile. Collabora da sempre con Radio X.

CAPODANNO IN PIAZZA SAN GIACOMO

PIAZZA SAN GIACOMO 
MAMBO DJANGO (dalle h 22.30 alle h 00.05)
Il Jazz Manouche nasce dall’incontro dello Swing americano degli Anni ’30 e ’40 col Valzer Musette francese e la tradizione tzigana. Questa magica fusione è avvenuta come evoluzione personale e percorso naturale di alcuni musicisti Gitani e Manouches il cui caposcuola fu il leggendario Django Reinhardt. Il Mambo Django è una formazione nata nel 2010 che rende omaggio a questo leggendario musicista, proponendo un repertorio che va dai brani originali dello stesso, passando per il Valzer Musette tipico della tradizione francese, agli standard americani degli anni ’30 e ’40, strizzando l’occhio al repertorio classico europeo e sudamericano (Czardas, Apanhei-te cavaquinho, Libertango ecc.).
La band:
Diego Deiana (violino)
Andrea Lai (contrabbasso)
Samuele Dessì (chitarra manouche)
Roberto Boi (chitarra manouche)
FOXI & HERNY (dalle h 00.10 alle h 01.30)
F&H si incontrano per caso nei primi anni ‘90 su un campo di basket, sport praticato da entrambi con una commovente dedizione inversamente proporzionale al talento.
Uniti dalla comune passione per la musica che di solito non passa per radio, rimangono orfani in giovane età dell’esperienza altamente formativa del Jazzino, e a metà degli anni ‘90, in preda alla disperazione, iniziano a mettere i loro dischi, per sfuggire all’alternativa del duopolio techno/droghe sintetiche, revival/ parrucche afro infiammabili, che in quegli anni imperversa in città (e dintorni).
Palcoscenico delle loro prime performance sono feste di laurea e compleanno di parenti e amici, in cui, oltre a non percepire alcun compenso, dopo un quarto d’ora tutti sono troppo sfatti per lamentarsi della musica. All’alba del nuovo millennio la loro carriera ufficiale decolla grazie all’ingaggio in un prestigioso circolo AICS che per le precarie condizioni igieniche viene ribattezzato Frittopoli.
Nei successivi diciotto anni, tra alti e bassi (sempre leggermente distorti), non hanno mai smesso di mettere dischi un po’ ovunque tra Cagliari e New York (un paio di volte persino a Sassari), spesso affiancati dal vocalist più improbabile e adorabile che la vita notturna cagliaritana ricordi: Giacomino. Oggi sono due signori apparentemente rispettabili, con un lavoro vero, dei figli a carico (e probabilmente anche qualcuno a propria insaputa) che continuano a far suonare la loro musica “strana”, da Fela Kuti a Enzo Carella passando (sempre) per James Brown, con lo spirito di due (post) ragazzini.

Ulteriori informazioni su
http://www.cagliariturismo.it

Vinicio Capossela capodanno cagliari fotoLucaZizioli

Leave a Comment

© 2015 kalariseventi.com All rights reserved

Scroll to top