QUEL TRENO PER ROSAS – NARCAO – DOMENICA 14 APRILE 2019 Reviewed by admin on . Ferrovie e miniere, un binomio importante, un fattore di sviluppo per la Sardegna. Questa volta visiteremo il tratto ferroviario piu' bello della regione, dal l Ferrovie e miniere, un binomio importante, un fattore di sviluppo per la Sardegna. Questa volta visiteremo il tratto ferroviario piu' bello della regione, dal l Rating: 0

QUEL TRENO PER ROSAS – NARCAO – DOMENICA 14 APRILE 2019

ROSAS 14Ferrovie e miniere, un binomio importante, un fattore di sviluppo per la Sardegna. Questa volta visiteremo il tratto ferroviario piu’ bello della regione, dal lago di Bau Pressiu alla miniera di Rosas. Ponti in pietra e gallerie faranno da sfondo ad un paesaggio che dal 1974 non sente fischiare la locomotiva.
La visita prevede un tratto di circa 4 chilometri di ferrovia, una passeggiata verso il villaggio e quindi la visita in sottosuolo e nel museo di Rosas. Il percorso non è difficile e abbiamo solo una salita lungo una comoda strada sterrata.
ORARI: Partiremo da Cagliari (da hotel Sardegna), alle 8,30, con raduno dalla 8,20. Contiamo di rientrare a Cagliari per le 19,30 circa. Contiamo di fare la pausa caffè al bar del Castello di Siliqua (per le ore 9,20 circa.
ITINERARIO: Da Cagliari prendiamo la SS130, dopo Assemini svolta per la Pedemontana, al bivio di Siliqua deviazione per Nuxis fino alla diga di Bau Pressiu (da questo punto inizierà la visita a piedi). Alcune macchine saranno portate a Rosas per facilitare il ritorno. Chi arriva da altre zone può attenderci alla grande rotonda di Siliqua (nei pressi del Castello).
Sono circa 60 km da Cagliari (1 ora abbondante di viaggio).
ABBIGLIAMENTO: Scarpe da trekking, pantaloni leggeri lunghi, cappellino e giacca (la zona presenta tratti esposti al vento). Serve almeno 1,5 litri d’acqua. A Rosas funziona un ottimo bar e ristorante.
TEMPI E TAPPE: La visita inizierà dalla diga, si procederà lungo la vecchia ferrovia (bellissima), fino al villaggio di Rosas (dove saremo dal pomeriggio), per la visita al sottosuolo (in totale sicurezza) e al museo/villaggio.
AVVERTENZE: per chi soffre di vertigini è sconsigliato il viadotto di Su Fundu (bellissimo, molto alto e privo di protezioni). I bambini sono graditi ma devono essere ben controllati. In galleria sarà utile una torcia personale.
E’ possibile studiare un’alternativa al viadotto maggiore.
VEDREMO: La linea ferroviaria nel tratto piu’ ardito dal punto di vista ingegneristico (con ponti ad arco e una galleria), il lago di Bau Pressiu (da fuori), l’area mineraria di Trubba Niedda ed infine il bel sito minerario di Rosas.
COSTI: è previsto un rimborso di 15 euro (solo adulti), comprensivo di 8 euro per il biglietto in miniera (museo+galleria+trenino gommato). Per studenti e minori di 18 anni è previsto il solo biglietto a Rosas. Presso lo stesso villaggio è possibile trascorrere la notte di sabato, in questo caso il contributo sarà limitato al solo biglietto di 8 euro
Informazioni per MANGIARE E DORMIRE: al numero 0781/1855139 si potranno avere informazioni e prenotare per dormire, mentre per cenare si potrà chiamare il 0781/1888048
IMPORTANTE: la visita sar√† condotta da Sandro Mezzolani, autore di pubblicazioni sulla Storia Mineraria e curatore dell’allestimento multimediale di Rosas, nonche dalla Carta escursionistica dell’area. Si precisa che Sandro Mezzolani NON √® guida RAS e che i partecipanti alla visita non sono coperti da assicurazione.
METEO, la visita si svolgerà in condizioni meteo adeguate; escludiamo il forte vento che potrebbe risultare pericoloso nei ponti privi di protezioni.
PER INFORMAZIONI O ISCRIZIONI, scrivere a mezzolani@gmail.com, oppure chiamare Sandro Mezzolani al 335/6499233. Per iscrizioni entro venerdì 5 aprile ottobre.

Leave a Comment

© 2015 kalariseventi.com All rights reserved

Scroll to top