MERCATINI DI NATALE 2019: SALISBURGO – 22 NOVEMBRE – 26 DICEMBRE 2019 Reviewed by admin on . Il Natale è un periodo speciale nel Salisburghese. Vicoli illuminati a festa invitano a passeggiare per i romantici mercatini d’Avvento, il seducente profumo di Il Natale è un periodo speciale nel Salisburghese. Vicoli illuminati a festa invitano a passeggiare per i romantici mercatini d’Avvento, il seducente profumo di Rating: 0

MERCATINI DI NATALE 2019: SALISBURGO – 22 NOVEMBRE – 26 DICEMBRE 2019

SALISBURGO

salisburgo_mercatini_natale

Il Natale è un periodo speciale nel Salisburghese. Vicoli illuminati a festa invitano a passeggiare per i romantici mercatini d’Avvento, il seducente profumo di mele al forno e vin brulé si spande nell’aria invernale, le tradizionali manifestazioni folcloristiche e le dolci melodie degli strumenti a fiato preparano gli animi al raccoglimento e alla festa.

La città austriaca ospita ogni anno uno dei Mercatini Natalizi di maggiore importanza in Europa, molto conosciuto e frequentato da turisti e appassionati provenienti da numerosi paesi. Il Mercatino di Natale di Salisburgo si presenta come uno dei principali eventi che la città austriaca ospita nel corso dell’anno, la città viene decorata con i motivi tipici del Natale, mentre musiche luci e colori rendono il centro storico ancora più affascinante e sorprendente la città di Mozart e dell’architettura barocca.

files-WinterSalzburgDomplatzchristkindelmarkt2Large

I principali Mercatini di Natale di Salisburgo
A Salisburgo si tengono alcuni dei Mercatini di Natale più importanti di tutta Europa e di indiscusso interesse internazionale. La tradizione del Mercatino natalizio, pur non rappresentando l’unica manifestazione in preparazione al Natale, è uno dei principali eventi che la città austriaca ospita in questo periodo e, forse, uno dei più importanti di tutto l’anno.
A Salisburgo i Mercatini di Natale sono detti di Gesù Bambino, ovvero Christkindlmarkt, quasi a voler risvegliare nei visitatori ricordi d’infanzia ormai dimenticati. I profumi del ponche e delle mandorle tostate, delle caldarroste e delle mele al forno sono una vera delizia per l’olfatto, ma nessun senso viene risparmiato. Splendide bancarelle invitano ad acquistare le figurine per il presepio, le decorazioni per l’albero di Natale, i giocattoli e i pullover invernali. Un pò ovunque la città è invasa da questa gioiosa frenesia comune che però, come vuole la tradizione, si articola in modo diverso in ogni piazza o via, che ospita il proprio caratteristico Mercatino di Natale.

mercatini-natale-salisburgo-piazza



Booking.com

Mercatino di Natale di Piazza Duomo e Piazza della Residenza
Il più famoso mercatino d’Avvento della città è il Salzburger Christkindlmarkt, che si svolge attorno al Duomo e su Piazza della Residenza, per questo anche detto Mercatino della Dom und Residenzplatz.
Si tratta dell’originario Mercatino di Natale di Salisburgo, il più antico della città, come testimonia un documento del 1491, che però ancora lo definisce mercato delle pulci. E’ soltanto nel corso del XVII secolo che esso assumerà il ruolo di vero e proprio mercato prenatalizio. Infatti, secondo quanto afferma in uno scritto del tempo il cronista Lorenz Hüb, il Mercatino «iniziava 14 giorni prima di San Niccolò e durava fino 14 giorni dopo» e poteva competere in belleza con quelli di altre grandi città europee, come Amsterdam, Parigi e Vienna.
Come allora, anche oggi in quelle quattro settimane le meravigliose cornici di Piazza del Duomo e Piazza della Residenza si illuminano a festa e assieme ai vicoli circostanti vengono gioiosamente invase da suggestive casettine in legno. Sui banchetti, candele, giocattoli in legno, vasellame in stagno, articoli in vetro smerigliato e dipinto, statuine per il presepio, mirra, corone d’Avvento, berretti, guanti, scialli e quanti altri oggetti offerti dalle tradizionali botteghe artigiane… E se passeggiando sotto gli archi del duomo ai visitatori venisse un certo languorino, ecco pronte per loro miriadi di sfiziose golosità: cioccolata, frutta candita, Krapfen, figure in pane, speck, zuppe fumanti, panpepato e il tipico Jagatee o tè al rum.

Historischer Salzburger Christkindlmarkt – Mercatino di Natale a Salisburgo
22.11.2019 – 26.12.2019
Piazza Duomo e Piazza della Residenza
da Lunedi a Giovedì dalle 10.00 alle 20.30
Venerdi dalle 10.00 alle 21.00
Sabato dalle 09.00 alle 21.00
Domenica/strong> dalle 9.00 alle 20.30<
24.12 dalle 9.00 alle 15.00
25.12 dalle 11.00 alle 18.00
26.12 dalle 11.00 alle 18.00

Il mercatino in Piazza della Residenza è uno dei più affascinanti della città di Salisburgo ricco di fascino e con numerose bancarelle, nello scenario unico di Piazza della Residenza

0108_winter_091

Non solo il Mercatino
Come se non bastasse, sono previste tra i banchetti del Mercatino di Natale numerose iniziative culturali, l’ideale accompagnamento per gli acquisti natalizi. Oltre alle rappresentazioni della Natività, nel cortile interno della Residenza si tiene la Grande Mostra dei Presepi, nella quale gli artisti locali presentano presepi originali salisburghesi. Per i più piccoli sono invece immancabili le corse dei Krampus e dei Perchten e molte altre sorprese, come il giro sulla slitta di Babbo Natale. Infine, nella città che ha dato i Natali a Mozart, tanta e tanta musica. Si va dai cori natalizi di bambini e adulti, previsti tutti i pomeriggi, ai concerti dei Turmblasen, ovvero le esibizioni di strumenti a fiato dalla Torre di Carillon, l’appuntamento irrinunciabile di ogni sabato alle 18.30.

Mercatino di Natale di Piazza Mirabell (Mirabellplatz) Un piccolo ma stupendo Mercatino di Natale di fronte a Palazzo Mirabell, formato da una ventina di stand in cui si possono acquistare bambole, orsacchiotti, vestiti, pelletteria, oggetti in terracotta, bijoux in argento e naturalmente dolciumi, frutta caramellata, acquaviti, vin brulè, punch aromatici, punch per bambini, salcicce arrostite e patate al cartoccio con varie farciture. Insomma, oggetti e prelibatezze culinarie che negli ultimi anni hanno reso questo Mercatino di Natale sempre più popolare, anche per via della sua posizione favorita, vicinissimo alle fermate dei mezzi pubblici, ai parcheggi e alla stazione ferroviaria. mercatini-natale-salisburgo-PIAZZA MIRABELL Mercatino di Natale in Piazza Mirabell 21.11.2019 – 24.12.2019 Piazza di Mirabell, Goethestraße Domenica, Lunedì, Martedì, Mercoledì : dalle 10.00 alle 20.00 Giovedì: dalle 9.00 alle 20.00 Venerdì e Sabato : dalle 10.00 alle 21.00 24.12: dalle 10.00 alle 15.00. Piazza Mirabel rappresenta un punto facilmente raggiungibile della città di Salisburgo, per la vicinanza delle fermate dei mezzi pubblici e dei parcheggi. Il Mercatino di Natale di Piazza Mirabel rappresenta un’esperienza da vivere weihnachten-tourismus-salzburg-d Non solo il Mercatino Anche in Mirabellpltaz il Mercatino si arricchisce di un interessante programma musicale, che intrattiene il pubblico quattro pomeriggi a settimana, il mercoledì, il venerdì e nel weekend. Christkindlmarkt Hellbrunn, Adventzauber Mercatino di Natale del Castello di Hellbrunn Tra le novità salisburghesi degli ultimi tempi c’è il Mercatino di Natale nel tranquillo cortile del Castello di Hellbrunn. L’apertura dell’Hellbrunner Adventzauber diventa la scusa ideale, gironzolando tra una bancarella e l’altra in cerca di doni, per godersi la vista di questo romantico e incantevole cortile e, perché no, per entrare nel palazzo, dov’è allestita fra l’altro una suggestiva mostra di Presepi. Magico Avvento a Hellbrunn Mercatino di Natale 29.11.2019 – 22.12.2019 Cortile del Castello di Hellbrunn VENERDI-SABATO-DOMENICA OGNI WEEKEND DALLE 10 ALLE 19 Orari di apertura per “I bambini del mondo del Natale”: Venerdì: dalle 14.00 alle 18 .00 Sabato & Domenica dalle 12.00 alle 18.00 24.12 dalle 10.00 alle 13.00: Aspettando Gesù Bambino Il Cortile del Castello di Hellbrunn fa da scenario ad uno dei più affascianti mercatini di Natale dell’Austria. In questa sede anche alcune delle iniziative pernsate per i bambini, come il giro sulla Slitta trainata da renne (vere!) 20160103_austria_01616_a Mercatino di Natale della Fortezza di Hohensalzburg (Festung Hohensalzburg) Chi a Salisburgo ama unire il piacere di passegiare per le bancarelle e quello di visitare i monumenti storici della città, non potrà perdersi certamente il Mercatino di Natale alla Fortezza di Hohensalzgurg. Tra i banchetti disseminati nelle corti del castello si respira un’aria natalizia quasi medievale, suggerita dalla splendida cornice del luogo e dall’antichità che trasuda dalle sue pietre. Come un tempo, qui si propongono oggetti fatti a mano di ogni genere, bevande a base di erbe officinali, leccornie preparate secondo le ricette della nonna e tanti altri prodotti della tradizione. Mercato dell’ avvento nel Cortile della Fortezza di Hohensalzburg 23.11.2018 – 16.12.2019 Cortile della Fortezza Hohensalzburg venerdì, sabato e domenica d’avvento: dalle 10.00 alle 19.00 L’Avvento sui tetti della città.Un mercato affascinante Avvento si terrà in alto sopra i tetti della città nel cortile della Fortezza Hohensalzburg. Se si arriva a piedi o in funicolare, con vista mozzafiato su Salisburgo e le sue decorazioni natalizie. Sono innumerevoli le bancarelle del mercato e il programma di intrattenimento trasformano il cortile del castello medievale in un Mercatino ricco di offerte per tutti: artigianato locale, idee regalo eccezionali e prelibatezze culinarie. I bambini potranno divertirsi facendo la propria mela-uomo, la stelle di paglia, i fiori di ghiaccio, gli angeli e tanti altri oggetti. Concerti di musica da ballo con ottone aggiungono spirito di festa alla manifestazione. Non solo il Mercatino Nel programma collaterale di questo Mercatino di Natale sono previsti più eventi. Tra i tanti, i concerti nelle grandi sale medievali della fortezza e, per la Vigilia, gli spari di fucili tradizionali e la Santa Messa cantata nella Cappella di San Giorgio.   mercatino_natale_iStock-157648042-e1480590552348 Mercatino di Natale dello Sterngarten E’ uno dei più piccoli Mercatini di Natale cittadini, ma non per questo privo di fascino e attrattiva. Situato presso lo Sterngarten, questo grazioso Mercatino si dirama nelle tranquille vie minori di Salisburgo, garantendo ai visitatori uno shopping di tutto relax. Le sue bancarelle offrono dal design più innovativo al classico artigianato salisburghese: spettacolare oggettistica in vetro soffiato, preziosi candelabri o più accessibili porta-candele, morbide pashmine, bijoux luccicanti e colorati… Insomma, non gli manca proprio niente, neppure il consueto accompagnamento delle più tradizionali specialità gastronomiche cittadine, tra cui il mosto caldo, una tentazione irresistibile, quasi peccaminosa! Stern Avvento Markt – Mercato d’Avvento nella Sterngarten 21.11.2019 – 06.01.2020 cortile del Sternbräu, tra Getreidegasse e Griesgasse da Domenica a Venerdì dalle 11.00 alle 19.00 Sabato dalle 10.00 alle 19.00 Il Mercatino dell’Avvento di Stern riesce a sposare la bellezza e il fascino degli stand Natalizi alla tranquillità delle vie minori della città. Per uno shopping natalizio in pieno relax files-SalzburgmozartAdventSalzburgadvent04Large Mercatino di Natale della Chiesa di St. Leonhard Questo Mercatino di Natale esiste dal 1973 e da allora, sul sagrato della Chiesa di St. Leonhard, propone i consueti prodotti della gastronomia salisburghese, nonché l’artigianato locale e proveniente da quasi tutte le regioni austriache, bavaresi e altoatesine. Ma la sua vera originalità sta nella totale coerenza con lo spirito natalizio. L’intera somma raccolta dalle vendite di questo Mercatino, infatti, viene devoluta in beneficenza per progetti che coinvolgono la città e tutta la zona limitrofa. L’anno scorso, ad esempio, sono stati raccolti solo dal Mercatino di St. Leonhard circa 90.000 euro che, con i contributi di altri mercatini nei dintorni di Salisburgo, hanno permesso di arrivare a tre milioni di euro e di costruire così abitazioni per disabili in tutto il Salisburghese. Non solo il Mercatino Come di consueto, anche questo Mercatino di Natale è solo uno dei tanti eventi che la singola zona di Salisburgo prepara per il Natale. Oltre alle celebrazioni per l’Avvento, che si svolgono nella Chiesa di St. Leonhard ogni pomeriggio dalle 17.00, nell’antistante piazza si svolgono quotidianamente alle 16.30 concerti musicali con strumenti a fiato. Mercatino di Natale St. Leonhard 30.11.2019 – 22.12.2019 St. Leonhard Santuario Sabato: dalle 16.00 alle 19.00 Domenica e 8.12 dalle 11.00 alle 19.00 Il Mercato è situato nei pressi del Santuario di St. Leonhard. Mercatino di Natale tradizionale prevede programmi musicali dell’avvento. Nel 1973 il Prof. Dr. Franz Nikolasch si avvicinòalla chiesa di S. Leonar con l’idea di organizzare un mercatino di Natale. Da allora ogni anno contribuiscono alla realizzazione del mercatino di Natale circa 300 volontari provenienti da Salisburgo, Grödig e dintorni. I Mercatini di Natale minori della città A Salisburgo si svolgono anche Mercatini di Natale meno noti, ma così belli che sarebbe un peccato non visitarli solo perchè difficilmente ne viene data notizia. Uno di essi si svolge al Museo Barocco di Salisburgo (Salzburger Barockmuseum), situato nella fiabesca cornice dell’Orangerie del Castello Mirabell, lo splendido giardino barocco poco distante da Mirabellplatz. Qui tutto ricorda le atmosfere del XVII e XVIII secolo ed i banchetti suggeriscono idee regalo vivaci e preziose. Nel quartiere di Maxglan, nella birreria all’aperto Stiegl-Brauwelt, si svolge l’insolito Mercatino di Natale nel Mondo della Birra, un appuntamento inevitabile per gli amanti della bevanda più tipica della città. Per chi poi vuole immergersi completamente nel mondo della creatività, è imperdibile il Mercatino di Natale degli Artisti e Artigiani, che si svolge nella Biblioteca dell’Università di Salisburgo. Infine, è bene ricordare anche il Mercatino di Natale nella Gwandhaus e il piccolo Mercatino di Natale davanti alla Stazione Centrale, in Bahnhofsvorplatz. Presepi e Musica fra i Mercatini I Mercatini di Natale non sono le uniche manifestazioni ad accompagnare l’Avvento salisburghese. Le mostre di Presepi rappresentano un appuntamento unico e assai rilevante per la cittadinanza, che coinvolge artigiani ed espositori non solo locali, ma provenienti anche dalle varie regioni dell’Austria. Che dire poi della musica, l’istituzione culturale per eccellenza nella città di Mozart, che non può certo festeggiare il Natale senza concerti strumentali ed esibizioni canore di ogni genere. Salisburgo è per antonomasia la città austriaca più prodiga di iniziative musicali, durante tutto l’anno e a maggior ragione con l’arrivo del Natale. Immancabile è senza dubbio la musica classica, ma sono irrinunciabili anche i cori gospel, i canti popolari e quelli più tipicamente natalizi, detti Adventsingen o Canti d’Avvento.   Mercatini di Natale di Altenmarkt-Zauchensee Ad Altenmarkt-Zauchensee quando arriva l’Avvento inizia un periodo davvero particolare. I visitatori sperimentano momenti unici di raccoglimento e interiorità, in una cornice storica e in uno scenario montano indimenticabile. Gli elementi del tradizionale folclore natalizio, una gigantesca corona d’Avvento illuminata da innumerevoli candeline e le squisite specialità locali sono gli ingredienti fondamentali del luogo e del suo Mercatino di Natale, in grado di incantare visitatori grandi e piccini. Booking.com

 

Avvento Salisburghese in montagna “nella valle Grossarltal”
Il simbolo delle quattro candele è onnipresente nella valle di Grossarl. Durante l’Avvento Salisburghese in montagna, i visitatori sono accolti da un suggestivo mercatino d’Avvento disposto intorno al presepio del paese di Grossarl con figure a grandezza naturale intagliate in legno, ma c’è anche un vario programma per i bambini per esempio le visite all’ufficio postale degli angeli e al recinto degli animali selvatici al Gasthof Talwirt.

salisburgo_mercatini_natale_musica

GLOSSARTAL

Avvento Alpino Salisburghese

L’Avvento Alpino Salisburghese nella valle di Grossarl è così bello e riposante che anche a Gesù Bambino piacerebbe venire in vacanza qui, e se sapesse sciare, si divertirebbe un mondo sugli oltre 70 km di piste del comprensorio Grossarltal-Dorfgastein. Ma alla sera, intorno a Natale, lo incontrerete di sicuro sull’originale sentiero del presepe (“Krippenweg”) con figure in legno intagliato a grandezza naturale. Intanto in paese il mercatino d’Avvento inebria i sensi con profumi di cannella e vin brulé, e con e le decorazioni tradizionali dell’Avvento in montagna. Dal 1 dicembre al 23 dicembre 2017.

3 buoni motivi per visitare la valle di Grossarl.

  • Per salire a malga Karseggalm e scoprire come si fa il formaggio sin dal tempo dei nonni
  • Per scoprire nel bosco il “tavolo d’Europa” e il monumento dei boy-scout
  • Per partecipare al programma “Berg-Gesund”: yoga, alpinismo e distensione nella natura
  • Per incontrare Gesù Bambino sul Sentiero del presepe e al mercatino d’Avvento di Grossarl

CONSIGLIO GIUSTO:

Il museo “Kösslerhäusl”
La storia della valle di Grossarl è legata alle miniere di rame, che un tempo erano fonte di ricchezza per i principi vescovi. Al contrario, la vita dei minatori era ricca solo di privazioni e miseria. Un’interessante testimonianza
sulla storia mineraria è fornita dalla casa Kösslerhäusl, in cui nel XVI secolo abitavano i Kössler, una famiglia di minatori. Questa tipica abitazione in legno è conservata ancora nello stato originario,
con ambienti suggestivi come la cucina con fuoco aperto, con candelotti di pece che pendono dal soffitto, e il rustico fornello con la cappa di legno. Al primo piano della casa sono esposti
antichi oggetti di vita quotidiana

Manifestazioni nella Grossarltal, Avvento 2019

 

Data Manifestazione
Venerdì
29.11.2019
Ore 14.00, – 20.00, Mercatino dell’Avvento
Ore 16.30Escursione con le fiaccole (ritrovo al Gemeindeamt di Grossarl)
Ore 16.30, – 19.00, gruppi di strumenti a fiato e cantori al mercatino dell’Avvento
Ore 18.00, inaugurazione del mercatino dell’Avvento
Ore 18.30, Teatro dei pastori a GrossarlOre 19.30,sfilata di Krampus per bambini sulla Marktplatz
Sabato
30.11.2019
Ore 14.00 – 20.00, Mercatino dell’Avvento
Ore 15.00 – 17.00, Forneria die bambini nel Café Kreuzer
Ore 15.00 – 17.00, Officina avvento nel Hotel Alte Post
Ore 15.00 – 17.00, Studio fotografico degli angeli nel Studio Gruber
Ore 15.00 – 17.00, Ufficio postale di Gensù Bambino nel Hotel Alte Post
Ore 15.00 – 17.30, Favola dell’Avvento – Mercatino dell’Avvento
Ore 15.00 – 19.00, gruppi di strumenti a fiato e cantori al mercatino dell’Avvento
Ore 16.00 – 20.00, Mercatino di Natale a Hüttschlag
Ore 18.00, piazza Marktplatz, assolo del Großarler Engerl (angelo di Grossarl)
Ore 20.15, canti d’Avvento in chiesa con “Ensemble Annelie” (Ingresso 10,- €)
Domenica
01.12.2019
Ore 13.00 – 20.00, Mercatino dell’Avvento

Ore 14.00 – 15.00, Babbo Natale al mercatino dell’Avvento
Ore 15.00 – 17.00, Forneria die bambini nel Café Kreuzer
Ore 15.00 – 17.00, Officina avvento nel Hotel Alte Post
Ore 15.00 – 17.00, Ufficio postale di Gensù Bambino nel Hotel Alte Post
Ore 15.00 – 17.30, Favola dell’Avvento – Mercatino dell’Avvento
Ore 15.00 – 19.00, gruppi di strumenti a fiato e cantori al mercatino dell’Avvento
Ore 16.00 – 19.00, Mercatino di Natale a Hüttschlag
Ore 18.00, piazza Marktplatz, assolo del Großarler Engerl (angelo di Grossarl)
Ore 19.00, “Herbergssuche” a Mercatino dell’Avvento

Giovedi
05.12.2019
Ore 19.30, Festa di S. Nikolaus e dei Krampus a Grossarl
Venerdì
06.12.2019
Ore 13.00 – 20.00, Mercatino dell’Avvento
Ore 15.00 – 17.00, Forneria die bambini nel Café Kreuzer
Ore 15.00 – 17.00, Officina avvento nel Hotel Alte Post
Ore 15.00 – 17.00, Ufficio postale di Gensù Bambino nel Hotel Alte Post
Ore 15.00 – 17.30, Favola dell’Avvento – Mercatino dell’Avvento
Ore 15.00 – 19.00, gruppi di strumenti a fiato e cantori al mercatino dell’Avvento
Ore 16.00 – 20.00, Mercatino di Natale a Hüttschlag
Ore 18.00, piazza Marktplatz, assolo del Großarler Engerl (angelo di Grossarl)
Ore 19.00, “Herbergssuche” a Mercatino dell’Avvento
Sabato
07.12.2019
Ore 14.00 – 20.00, Mercatino dell’Avvento
Ore 15.00 – 17.00, Forneria die bambini nel Café Kreuzer
Ore 15.00 – 17.00, Officina avvento nel Hotel Alte Post
Ore 15.00 – 17.00, Studio fotografico degli angeli nel Studio Gruber
Ore 15.00 – 17.00, Ufficio postale di Gensù Bambino nel Hotel Alte Post
Ore 15.00 – 17.30, Favola dell’Avvento – Mercatino dell’Avvento
Ore 15.00 – 19.00, gruppi di strumenti a fiato e cantori al mercatino dell’Avvento
Ore 16.00 – 20.00, Mercatino di Natale pub a Hüttschlag
Ore 18.00, piazza Marktplatz, assolo del Großarler Engerl (angelo di Grossarl)
Ore 20.15, canti d’Avvento in chiesa (Ingresso 10,- €)
Domenica (giorno festivo)
08.12.2019
Ore 13.00 – 20.00, Mercatino dell’Avvento

Ore 14.00, Pomeriggio Bauernladen Parlor Avvento con musica
Ore 15.00 – 17.00, Forneria die bambini nel Café Kreuzer
Ore 15.00 – 17.00, Officina avvento nel Hotel Alte Post
Ore 15.00 – 17.00, Ufficio postale di Gensù Bambino nel Hotel Alte Post
Ore 15.00 – 17.30, Favola dell’Avvento – Mercatino dell’Avvento
Ore 15.00 – 19.00, gruppi di strumenti a fiato e cantori al mercatino dell’Avvento
Ore 18.00, piazza Marktplatz, assolo del Großarler Engerl (angelo di Grossarl)
Ore 19.00, “Herbergssuche” a Mercatino dell’Avvento

Venerdì
13.12.2019
Ore 14.00 – 20.00, Mercatino dell’Avvento
Ore 16.30Escursione con le fiaccole (ritrovo al Gemeindeamt di Grossarl)
Ore 16.30 – 19.00, gruppi di strumenti a fiato e cantori al mercatino dell’Avvento
Ore 18.30, Teatro dei pastori a Grossarl
Sabato
14.12.2019
Ore 14.00 – 20.00, Mercatino dell’Avvento
Ore 15.00 – 17.00, Forneria die bambini nel Café Kreuzer
Ore 15.00 – 17.00, Officina avvento nel Hotel Alte Post
Ore 15.00 – 17.00, Studio fotografico degli angeli nel Studio Gruber
Ore 15.00 – 17.00, Ufficio postale di Gensù Bambino nel Hotel Alte Post
Ore 15.00 – 17.30, Favola dell’Avvento – Mercatino dell’Avvento
Ore 15.00 – 19.00, gruppi di strumenti a fiato e cantori al mercatino dell’Avvento
Ore 15.00 – 20.00, Mercatino di Natale a Hüttschlag
Ore 18.00, piazza Marktplatz, assolo del Großarler Engerl (angelo di Grossarl)
Ore 20.15, canti d’Avvento in chiesa (ingresso € 10, -)
Domenica
15.12.2019
Ore 13.00 – 20.00, Mercatino dell’Avvento
Ore 14.00, Pomeriggio Bauernladen Parlor Avvento con musica
Ore 15.00 – 17.00, Forneria die bambini nel Café Kreuzer
Ore 15.00 – 17.00, Officina avvento nel Hotel Alte Post
Ore 15.00 – 17.00, Ufficio postale di Gensù Bambino nel Hotel Alte Post
Ore 15.00 – 17.30, Favola dell’Avvento – Mercatino dell’Avvento
Ore 15.00 – 19.00, gruppi di strumenti a fiato e cantori al mercatino dell’Avvento
Ore 16.00 – 19.00, Mercatino di Natale a Hüttschlag
Ore 18.00, piazza Marktplatz, assolo del Großarler Engerl (angelo di Grossarl)
Ore 19.00, “Herbergssuche” a Mercatino dell’Avvento
Venerdì
20.12.2019
Ore 14.00 – 20.00, Mercatino dell’Avvento
Ore 16.30Escursione con le fiaccole (ritrovo al Gemeindeamt di Grossarl)
Ore 16.30 – 19.00, gruppi di strumenti a fiato e cantori al mercatino dell’Avvento
Ore 18.30, Teatro dei pastori a Grossarl
Sabato
21.12.2019
Ore 14.00 – 20.00, Mercatino dell’Avvento
Ore 15.00 – 17.00, Forneria die bambini nel Café Kreuzer
Ore 15.00 – 17.00, Officina avvento nel Hotel Alte Post
Ore 15.00 – 17.00, Studio fotografico degli angeli nel Studio Gruber
Ore 15.00 – 17.00, Ufficio postale di Gensù Bambino nel Hotel Alte Post
Ore 15.00 – 17.30, Favola dell’Avvento – Mercatino dell’Avvento
Ore 15.00 – 19.00, gruppi di strumenti a fiato e cantori al mercatino dell’Avvento
Ore 18.00, piazza Marktplatz, assolo del Großarler Engerl (angelo di Grossarl)
Domenica
22.12.2019
Ore 13.00 – 20.00, Mercatino dell’Avvento
Ore 14.00, Pomeriggio Bauernladen Parlor Avvento con musica
Ore 15.00 – 17.00, Forneria die bambini nel Café Kreuzer
Ore 15.00 – 17.00, Officina avvento nel Hotel Alte Post
Ore 15.00 – 17.00, Ufficio postale di Gensù Bambino nel Hotel Alte Post
Ore 15.00 – 17.30, Favola dell’Avvento – Mercatino dell’Avvento
Ore 15.00 – 19.00, gruppi di strumenti a fiato e cantori al mercatino dell’Avvento
Ore 18.00, piazza Marktplatz, assolo del Großarler Engerl (angelo di Grossarl)
Ore 19.00, “Herbergssuche” a Mercatino dell’Avvento

 

Il programma dell’Avvento vi attende con alcuni eventi emozionanti, tra i quali troverete certamente la manifestazione di vostro interesse. Per immergersi nel clima natalizio ci sono anche numerose attrazioni e il programma per famiglie. Qui è possibile inoltrare una richiesta d’offerta non impegnativa per la vostra visita all’Avvento in montagna del Salisburghese.

 

Il programma dell’Avvento vi attende con alcuni eventi emozionanti, tra i quali troverete certamente la manifestazione di vostro interesse. Per immergersi nel clima natalizio ci sono anche numerose attrazioni e il programma per famiglie. Qui è possibile inoltrare una richiesta d’offerta non impegnativa per la vostra visita all’Avvento in montagna del Salisburghese.

 

Ulteriori informazioni
Tourismusverband Großarltal
info@grossarltal.info
www.salzburger-bergadvent.at (anche in italiano)

 

Wolfgangseer-Advent
“Avvento sul Wolfgangsee” scintille di luce nelle notti d’inverno
La lanterna della pace risplende nelle buie notti invernali sopra le acque del lago Wolfgangsee e invita abitanti del luogo e visitatori austriaci e stranieri a stupirsi, meditare e festeggiare con gioia l’Avvento sul Wolfgangsee: St. Wolfgang, St. Gilgen e Strobl. Con speciali gite in battello si passa accanto alla grande lanterna galleggiante, alla croce Ochsenkreuz illuminata e alla croce Hochzeitskreuz sotto la parete del Falkenstein, da dove l’eco del suono della tromba risuona per tutto il lago.

Non lontano da Salisburgo, nel Salzkammergut, anche qui troverete tre bellissimi e caratteristici mercatini dell’Avvento.

A Strobl, St. Gilgen e St. Wolfgang,

in ognuno di questi comuni troverete un mercatino dell’Avvento.

In posizione idillica, sulle rive del lago di Sankt Wolfgang, potrete passare da un mercatino all’altro anche servendovi di un battello.

Ogni mercatino ha un suo proprio simbolo.

A Strobl è la cometa, a St. Gilgen ci sono le candele dell’Avvento e St. Wolfgang è noto per la sua lanterna che galleggia nel lago e in cui è accesa la luce della pace.

In uno dei pomeriggi dell’Avvento potrete scoprire voi stessi qual è il vostro mercatino preferito!

WOLF

WOLFGANG

mercatini-natale-salisburgo

Mercatino di Natale nella Stille-Nacht-Platz a Oberndorf
Oberndorf è il paese dove 191 anni fa venne eseguita per la prima volta la famosa canzone natalizia “Stille Nacht” (Astro del ciel). Il mercatino natalizio nella Stille-Nacht-Platz si trova davanti alla cappella commemorativa Stille-Nacht e affascina grandi e piccini con la sua suggestiva atmosfera e con l’artigianato artistico presentato sulle bancarelle amorevolmente addobbate.

salisburgo1

Ulteriori informazioni
Tourismusverband Oberndorf
office@stillenacht-oberndorf.at
www.stillenacht-oberndorf

Passeggiate romantiche su alture innevate, luminose scie di paesini montani all’orizzonte, una nuvola calda e avvolgente di profumi che si librano nell’aria, sul sottofondo animato delle campane, del vocio e delle sinfonie natalizie…
Anche quest’anno la città di Mozart si rivela una delle mete più classiche e attese per gli appassionati dei Mercatini di Natale, che cercano in questa ideale cornice tutta la magia dell’Avvento, con quel qualcosa in più che solo un luogo fiabesco come Salisburgo può offrire.

0108_getreidegasse_001

Lo straordinario panorama dei suoi tetti, delle sue cupole e dei suoi campanili ricoperti di neve non terrà lontane troppo a lungo le migliaia di visitatori, che ben presto ne occuperanno strade e piazze principali, alla ricerca di un’immersione prenatalizia diversa da quella domestica, magari più principesca, ma sempre sentita e raccolta.
Rapidamente l’impegno comune della cittadinanza trasforma la barocca Salisburgo in un tutt’uno di stradine luccicanti e decorate, la cui veste natalizia non impedisce di percepire in lontananza le soavi note mozartiane…

 

 

 

 

salzburg-im-winter--salzburgtvb--d.jpg.2433581

 

 

 

 

Salisburgo si anima di stand culinari e di oggettistica di vario tipo. Tutte le piazze della città hanno un loro proprio “mercatino” e la magia dell’evento viene accompagnata dai numerosi concerti, all’aperto o in ambienti chiusi, organizzati in questo periodo.
Sono organizzate delle manifestazioni davanti al Duomo, come concerti corali; in Piazza della Residenza, il sabato si svolgeranno iTurmblasen (concerti con trombette).

 

 

 

Mercatino di Natale a Franziskischossl

22.11-24.12.2019

Mercatino delle Spezie natalizio con prodotti delle regioni culinarie austriache e prodotti di artigianato

Servizio navetta 12-18 orologio da/per Gablerbrau/Linzergasse o a seconda della strada verso il convento dei Cappuccini

 

CERCA HOTEL / B&B A SALISBURGO



Booking.com

Salisburgo, in tedesco Salzburg, ovvero castello del sale, conta circa 150.000 abitanti, è situata nell’Austria centro-settentrionale, è capoluogo della regione federale del Salisburghese e sorge sul fiume Salzach, in italiano via del sale.
Dopo Vienna, è la città austriaca più visitata dai turisti di tutto il mondo, amanti dell’arte e della cultura. E’ considerata centro indiscusso della musica mondiale, nota in particolare come patria di Wolfgang Amadeus Mozart, a cui tutto, dai monumenti, alle vie, ai cioccolatini, è ispirato. Il legame della città con la musica è fortissimo, come dimostrano i numerosi Conservatori esistenti e le molteplici manifestazioni concertistiche che qui vengono organizzate, tra cui il celebre Festival Concertistico d’Estate (Salzburger Festspiele).
Salisburgo è una città deliziosa e romantica, di grande interesse storico e culturale, ricca di monumenti ed edifici antichi, che costituiscono un importante tesoro architettonico. Non a caso, è soprannominata la “Firenze del Nord” ed il suo centro storico è inserito nella lista del Patrimonio dell’Umanità dell’UNESCO. Questa zona, che è la più antica della città, si estende fra il Salzach e le colline ed è meravigliosamente affollata da un pittoresco intreccio di strade, piazze con fontane, case antiche, cupole ed edifici per lo più in stile Barocco. Ma tra le parti più belle di Salisburgo ci sono senza dubbio i suoi punti panoramici, dai quali essa offre scorci così suggestivi da essere difficilmente eguagliabili.

362_8_AussenansichtNeu4
La Fortezza di Hohensalzburg (Festung Hohensalzburg)
Uno dei punti più alti di Salisburgo è la Fortezza di Hohensalzburg (Alta Salisburgo), che domina il centro storico e offre un meraviglioso belvedere, al quale dal 1892 si può accedere anche tramite funicolare. Attualmente,con una superficie fortificata di 14.000 metri quadrati, è considerata la fortezza ancora intatta più grande del centro Europa, una delle poche a non essere mai stata espugnata o in qualche modo danneggiata.
Il castello iniziò ad essere costruito nel 1077 dall’arcivescovo Gebhard, il quale però nel 1085 fu costretto all’esilio, lasciando così il progetto incompiuto. I suoi successori lo completarono e, fra XV e XVI secolo, l’arcivescovo Leonard von Keutschach lo ampliò, dandogli l’attuale sembiante. Dal 1120 l’edificio divenne residenza vescovile ma la sua funzione mutò dalla fine dell’Ottocento quando, in luogo di fortezza difensiva, il castello divenne caserma e prigione; oggi invece ospita al suo interno un museo e varie manifestazioni durante tutto l’anno, ma soprattutto è uno dei luoghi più amati per l’esecuzione di concerti da camera.
Il complesso della Fortezza è costituito dal palazzo centrale in stile romanico, un tempo destinato all’uso abitativo, detto Hoher Stock, da numerosi edifici annessi e da una chiesa propria. Particolarmente degne di interesse sono le camere medievali del principe e il Museo della Fortezza.

Informazioni utili
Dove: Fortezza di Hohensalzburg, Mönchsberg 34
Quando: Da Gennaio ad Aprile e da Ottobre a Dicembre dalle 9.30 alle 17.00
Maggio e Giugno dalle 9.00 alle 18.00
Luglio e Agosto dalle 9.00 alle 19.00
Settembre dalle 9.00 alle 18.00
Da Ottobre a Dicembre dalle 9.30 alle 17.00
Pasqua e fine settimana dell’Avvento dalle 9.00 alle 18.00
Natale dalle 9.30 alle 14.00


Il Duomo di Salisburgo
Il Duomo è sicuramente il più importante edificio sacro di Salisburgo e ne è contemporaneamente il centro spirituale. Attraverso la sua storia, si ripercorrono anche alcune delle vicissitudini salienti della città.
Il Duomo originario fu realizzato nel 774, ma questo primo edificio venne distrutto già durante l’incendio del 1166, appiccato dai seguaci di Barbarossa, dopo il quale ci vollero dieci anni perché si riaprissero i cantieri e Salisburgo potesse avere una nuova cattedrale. Questa costruzione, che pare superasse in magnificenza e grandezza tutte le altre cattedrali imperiali, venne ancora danneggiata dalle fiamme nel 1598. L’allora arcivescovo Wolf approfittò dell’incendio per radere al suolo la costruzione, senza risparmiarne gli arredi e le opere d’arte in essa contenute, e dare l’avvio ad una nuova edificazione. Quest’ultima però non vide mai la luce, almeno fin quando, tra 1614 e 1628, non venne affidato un nuovo progetto all’architetto Santino Solari, che diede vita alla prima cattedrale barocca a nord delle Alpi. Mentre la zona circostante venne sistemata con l’apertura di quattro piazze ideate dallo Scamozzi, il Duomo assunse la forma di una grande basilica, con un’imponente cupola formata da tre absidi e una splendida facciata a due torri. Le pareti vennero interamente riempite di decorazioni a fresco e a stucco ancora oggi ben conservate. Dopo la seconda ricostruzione del 1628, il Duomo di Salisburgo fu nuovamente danneggiato, questa volta da una bomba della Seconda Guerra Mondiale, che ne distrusse la cupola e il presbiterio. I lavori di ricostruzione, terminati nel 1959, hanno restituito alla cattedrale il suo aspetto attuale, consacrandola per l’ennesima volta a santuario prediletto della città.
Alcuni degli oggetti più pregevoli del Duomo di Salisburgo sono il tesoro di epoca carolingia, le magnifiche porte d’ingresso, lo splendido organo principale, circondato da angioletti che suonano, e il fonte battesimale in cui fu battezzato lo stesso Wolfgang Amadeus Mozart. Il celebre musicista, proprio in qualità di organista del duomo e di primo violino, scrisse per Salisburgo numerose ed eterne composizioni di musica sacra.

698_8_Thronsaal
Il Palazzo della Residenza
Il Palazzo della Residenza, affacciato sull’omonima piazza, fa parte degli edifici storici più importanti del centro storico di Salisburgo, un tempo sede dei principi arcivescovi che governavano Salisburgo. Da questo luogo, a partire dalla nascita del principato ecclesiastico fino al passaggio di Salisburgo all’Impero Austriaco, sono state decise le sorti politiche della città.
Le prime testimonianze dell’arcivescovado nel Palazzo della Residenza risalgono addirittura al Medioevo. Da allora, ogni principe ha messo mano alla sua struttura, modificandola secondo il proprio gusto. Gli abbellimenti più rilevanti però sono da attribuire agli arcivescovi più influenti sulla vita artistica della città: Wolf Dietrich von Raitenau, che lo fece costruire nel XVI secolo e a cui si deve lo stampo barocco dell’edificio, Paris Lodron e Franz Anton Harrach, i cui stemmi sovrastano l’entrata di marmo della Residenza, situata sull’omonima piazza cittadina.
Data la sua posizione e la sua magnificenza, il palazzo è stato un’importante vetrina di rappresentanza durante tutta la storia imperiale di Salisburgo. Qui venne accolto Napoleone III dall’Imperatore Francesco Giuseppe nel 1867 e qui la Dieta salisburghese giurò fedeltà all’Imperatore d’Austria Francesco I, segnando la fine del principato ecclesiastico e l’annessione della città all’Impero. Oltre a ricevere le delegazioni diplomatiche in visita alla città, la Vecchia Residenza ospitò per quasi trent’anni la regina Carolina Augusta, quarta moglie di Francesco I, che qui stabilì la sua residenza estiva. Dobbiamo a lei tra l’altro la creazione del Salzburger Museum, nominato “Carolino Augusteum” proprio in suo onore e situato nell’antistante Nuova Residenza, vicino Mozartplatz.
La Residenza conta al suo interno oltre 180 stanze, di cui 15 saloni di gala del piano nobile sono tuttora utilizzati come luoghi di rappresentanza e di mostre, o vengono affittati per manifestazioni private di ogni genere; altre stanze ancora ospitano l’Università cittadina.
Va ricordato che in questo palazzo si esibì lo stesso Mozart. In particolare, egli debuttò all’età di 6 anni nella Sala del Consiglio e successivamente suonò in vari concerti: il 20 dicembre 1775 nella Sala delle Conferenze eseguì per la prima volta il Concerto per violino in La maggiore, altre volte si esibì nella Sala dei Cavalieri, che per l’eccezionale acustica è tuttora sede di molti concerti.



Booking.com

Informazioni utili
Dove: Salzburger Residenz, Residenzplatz 1
Quando: Tutti i giorni dalle 10.00 alle 17.00; chiuso le due settimane prima di Pasqua e durante le manifestazioni

castello-mirabell1
Il Castello Mirabell
Il Castello Mirabell è tuttora uno straordinario esempio di lusso e bellezza. Si trova nel centro storico della cittá, anche se non è sempre stato all’interno del contesto cittadin.
In origine, infatti, era situato fuori dalle mura e doveva servire come residenza nobiliare per Salome Alt, amante dell’allora signore di Salisburgo, il principe arcivescovo Wolf Dietrich von Raitenau, e per i loro 15 figli illegittimi. Costretto ad abdicare nel 1612, il prelato fu rinchiuso nello stesso palazzo, mentre al suo posto regnava sulla città di Salisburgo il cugino, l’arcivescovo Markus Sittikus von Hohenems. Fu quest’ultimo a dare all’edificio il nome di Palazzo Mirabell, mentre fino alla morte di von Raitenau esso si era chiamato Palazzo Altenau.
Nel corso del XVII secolo, l’ingrandimento della città portò il palazzo ed il suo giardino all’interno delle mura cittadine e in seguito, nel 1727, esso subì modifiche ed abbellimenti in chiave barocca, fino ad assumere l’aspetto attuale. Una delle componenti più affascinanti del Castello è il magnifico Giardino sede, tanto quanto Mirabellplatz, di un Mercatino di Natale.
Nel Giardino si trovano statue classiche, meravigliosi giochi d’acqua, il Giardino degli gnomi e il Museo Barocco. Nonostante lo sfarzo, oggi il palazzo appare comunque molto più semplice e disadorno di quanto non fosse in passato. Questo si deve alla scelta architettonica operata da Peter de Nobile, architetto di corte, ma certamente anche all’incendio del 1818, che risparmiò per fortuna la monumentale scalinata di Lukas von Hilldebrandt, con le sculture degli angeli di Georg Raphael Donner, e la sala dei marmi a cui essa conduce.
Oggi nel Palazzo Mirabell si trovano gli uffici del Sindaco di Salisburgo e la sala delle feste viene utilizzata per la celebrazione dei matrimoni civili.

castello

Il Castello Hellbrunn
Nel 1612, pochi mesi dopo la sua ascesa al trono, il principe arcivescovo di Salisburgo, Markus Sittikus von Hohenems, diede incarico di costruire una villa suburbana ai piedi di una collina ricca di sorgenti chiamata Hellbrunn. Quale estimatore dell’arte e della cultura italiane, Markus Sittikus affidò la costruzione del palazzo al famoso Santino Solari, già architetto del Duomo. L’obiettivo era quello di costruire un edificio che, per quanto adibito a residenza estiva, in fasto e dispendiosità non avesse nulla da invidiare ai suoi splendidi modelli italiani. E così, in tempi di costruzione relativamente brevi, al margine sud di Salisburgo venne realizzato un gioiello architettonico che ancora oggi viene annoverato tra i più splendidi edifici rinascimentali a nord delle Alpi.
Sin dall’inizio l’acqua fu un elemento determinante per l’architettura del palazzo e soprattutto del suo meraviglioso Giardino all’italiana. Le numerose sorgenti del monte Hellbrunn, infatti, garantirono la realizzazione di spettacolari giochi d’acqua, dotati di grande vitalità. Nell’ombra di alberi e cespugli oppure zampillanti da nascondigli insospettati, i giochi d’acqua erano l’attrazione principale fra gli svaghi degli ospiti di Hellbrunn. Anche oggi, grazie al perfetto stato di conservazione, si possono contemplare, quasi immutati, gli zampilli e i giochi meccanici frutto dell’ingegneria idraulica.
Tutto ciò dimostra che Hellbrunn raramente abbia svolto una funzione di vera e propria residenza arcivescovile e che, piuttosto, il castello sia stato luogo di grandi festeggiamenti, di sontuosi spettacoli e di manifestazioni culturali. Insomma, già 400 anni or sono il Castello di Hellbrunn era stato pensato per accogliere la mondanità e gli eventi di respiro internazionale, il che lo rende ai giorni nostri un luogo assolutamente popolare e al passo con i tempi! Se però i visitatori dell’epoca venivano a Hellbrunn in gita, per andarvi a caccia o partecipare a ricevimenti eleganti, oggi vi si recano per convegni, seminari ed eventi di società.
OLYMPUS DIGITAL CAMERA
La casa natale di Mozart
W. A. Mozart nacque il 27 gennaio 1756 al numero 9 di Getreidegasse.
La famiglia Mozart allora abitava al terzo piano di questo palazzetto borghese costruito prima del 1400 nel cuore della vecchia Salisburgo. Ma Wolfgang Amadeus, ultimo di sette figli, non vi rimase molto a lungo poichè il padre Leopold, al servizio del principe arcivescovo come direttore della cappella di corte, poté ben presto permettersi di traslocare con la famiglia in una casa più grande nella Makartplatz e, da quel momento, si dedicò all’educazione musicale di Amadeus e della sorella Nannerl, la quale dovette però abbandonare la carriera musicale per sposarsi.
Da allora, il palazzetto nella Getreidegasse con il suo bel cortile interno non è cambiato molto, a parte la facciata Rococò rifatta in stile classicheggiante. L’edificio appartiene oggi alla Fondazione Internazionale Mozarteum, che dal 1880 ne ha fatto un museo dedicato al musicista. Al suo interno si trovano alcuni dei più inestimabili oggetti appartenuti al genio musicale, come il violino utilizzato da bambino, il violino da concerto, il clavicembalo, il pianoforte a martelli e poi manoscritti, lettere e ritratti della famiglia Mozart.
Al primo piano il museo è articolato secondo tre tematiche: “Mozart e l’Università di Salisburgo”, “L’amicizia fra Mozart e alcune famiglie salisburghesi” e “La musica sacra e il culto dei santi”. Inoltre, dal 1981 questa parte della casa natale di Mozart ospita delle esposizioni straordinarie annuali curate dalla Fondazione Internazionale del Mozarteum e aventi sempre come argomento la vita del compositore.
Il secondo piano è dedicato al tema “Mozart a teatro“. In numerosi diorami (palcoscenici in miniatura) viene illustrata la storia della ricezione delle opere di Mozart e vengono documentate le svariate forme di interpretazione del tempo.

La casa di Mozart in Makartplatz
In questa abitazione la famiglia Mozart visse dal 1773 al 1787.
La necessità di traslocare dall’abitazione di Getreidegasse dipese in gran parte dalla carriera artistica dei Mozart. Già nel 1765, infatti, quando Amadeus aveva circa 9 anni, Leopold lamentava la carenza di spazio per sé e per i propri figli, che necessitavano di stanze private per esercitarsi e lavorare senza ostacolarsi l’un con l’altra.
La casa di Makartplatz si rese disponibile nel 1773 e la famiglia Mozart vi si trasferì al ritorno da un viaggio a Vienna durato alcuni mesi. L’abitazione rimase proprietà dei Mozart per lunghi anni, sebbene in gran parte vi sia vissuto il solo Leopold a causa della morte della moglie, avvenuta nel 1778, della partenza del figlio Amadeus nel 1780 e del matrimonio della figlia Nannerl nel 1784.
Dopo la morte di Leopold, la casa fu abitata da nuovi proprietari fino alla Seconda Guerra Mondiale, quando nel 1944 una bomba ne distrusse due terzi. Seguendo i vecchi progetti però fu possibile ricostruirla e l’inaugurazione ha avuto luogo il 26 gennaio 1996.
Nel 1989 tutta la palazzina venne rilevata dalla Fondazione Internazionale Mozarteum, che l’ha trasformata nell’attuale museo.

La Getreidegasse
La Getreidegasse è la strada più affascinante di Salisburgo: una via piena di negozi, ristoranti tipici e cioccolaterie, dalle cui vetrine campeggiano praline di ogni tipo, prime fra tutte le immancabili Palle di Mozart. Oggigiorno la maggioranza dei turisti è attratta da questo angolo di città proprio per lo shopping anche se, distogliendo lo sguardo dai negozi, è possibile ammirare la bellezza architettonica degli edifici e la peculiarità dei particolari. Le sue decorazioni in ferro battutto e le sue ricche facciate risalgono al XVI secolo, anche se ulteriori cambiamenti sono stati apportati nel corso del XIX secolo. Tuttavia le sue origini sono senza dubbio medievali. Sulla Getreidegasse si aprono importanti palazzi ed edifici storici, il più importante dei quali è la Casa Natale di Mozart, al numero 9. La particolarità di queste costruzioni è di essere alte e strette, con finestre che diventano sempre più piccole dal primo piano verso l’alto. All’apparenza esse appaiono molto poco spaziose, ma in realtà si estendono posteriormente aprendosi nei cortili.
I cortili si sono andati sviluppando nel tempo, diventando logge che collegano gli appartamenti signorili con quelli di servizio e con i depositi, nei quali, in tempi attuali, sono sorti negozi organizzati in vere e proprie gallerie coperte.

Salisburgo è degna di essere visitata anche per le sue ottime specialità culinarie.

L’offerta gastronomica della città è enorme: si va dalle osterie rustiche ai ristoranti raffinati, dalle enoteche alle tradizionali birrerie, dai locali che offrono specialità a quelli che propongono menù internazionali. Insomma, ce n’è davvero per tutti i gusti! Quel che è certo è che la regione del Salisburghese ha il maggior numero di ristoranti premiati di tutta l’Austria, di cui molti si trovano proprio a Salisburgo.

I piatti tipici riprendono le principali specialità austriache, arricchite dall’influenza della cucina tedesca. Fra i dolci, sono famosissime le Palle di Mozart (Mozartkugeln), deliziose palline di cioccolato ripiene, e la celeberrima Sachertorte, di origine viennese. Il piatto tipico della città è però un altro dolce, detto Salzburger Nockerln, gnocchi dolci di Salisburgo, una sorta di meringa che con la sua forma ricorda le tre colline di Salisburgo.

Per i voli non esiste volo diretto da Cagliari.

Occorre passare da Roma Fiumiino o Milano Linate per prendere Air Berlin o Austrian airlines.

Prenota hotel a Salisburgo a partire da 120 € per una camera matrimoniale (3 notti)

Leave a Comment

© 2015 kalariseventi.com All rights reserved

Scroll to top