CAGLIARI CHE NON C’E’ – DOMENICA 12 MAGGIO 2019 Reviewed by admin on . Attività dedicate alle famiglie, per scoprire il patrimonio dimenticato della nostra città Per la XXIII edizione di Cagliari Monumenti Aperti, bambini e adulti Attività dedicate alle famiglie, per scoprire il patrimonio dimenticato della nostra città Per la XXIII edizione di Cagliari Monumenti Aperti, bambini e adulti Rating: 0

CAGLIARI CHE NON C’E’ – DOMENICA 12 MAGGIO 2019

CAGLIARI CHE NON CEAttività dedicate alle famiglie, per scoprire il patrimonio dimenticato della nostra città

Per la XXIII edizione di Cagliari Monumenti Aperti, bambini e adulti andranno alla ricerca della “Cagliari che non c’è”.
4️⃣Quattro attività per scoprire il patrimonio cittadino dimenticato, che è andato perduto; ma anche quello che abbiamo saputo valorizzare. I luoghi di questo racconto sono centri culturali, parchi cittadini o monumenti che sono stati oggetto di interventi di recupero.

L’ Orto dei Cappuccini ospita il laboratorio “Il giardino ritrovato”. Terriccio, semi, talee, saranno materia vivente per avvicinarsi al mondo delle piante e scoprire i segreti per far germogliare un giardino in miniatura.
Orari: 11.00 -12.00 – 16.00 – 17.30

Il Parco di Tuvixeddu è sede dell’attività “Affreschi da scoprire”.
Tra le tombe del sito archeologico rivestono particolare interesse quelle caratterizzate dai motivi decorativi realizzati con pitture colorate.
Proponiamo a grandi e piccini un laboratorio sensoriale, che possa permettere di osservare e comprendere questo straordinario patrimonio artistico.
Orari: 10.30 – 12.30 -15.30 -17.00

Dal Centro d’Arte e Cultura Il Ghetto, in via Santa Croce, parte “Contamì, la città dimenticata”.
Una guida professionale condurrà i partecipanti attraverso i quartieri storici, scavando nel passato dei monumenti e delle strade della città, rievocando gli stili di vita e la cultura popolare cagliaritana.
Orari: 11.00 – 16.30

Infine, l’EXMA – Exhibiting and Moving Arts, è sede dello spettacolo “Musica scordata”.
Un excursus nella musica cagliaritana del secondo dopoguerra. Quale fu la “colonna sonora” di quelle giornate?
Scopriamo cosa accadde in una città in cui i teatri programmavano il melodramma, la rivista e l’avanspettacolo e nei salotti si suonava la romanza d’autore, quando per la prima volta si scoprì il jazz e la musica americana e una piccola grande rete di musicisti si riunì per suonare nelle case, nelle botteghe da barbiere, nelle sale da ballo.
Orari: 12.00

La partecipazione è gratuita, ma occorre prenotare le attività che saranno disponibili fino all’esaurimento dei posti.

Per info, orari e prenotazioni, 070.666399 o mail didattica.camuweb@gmail.com

“Cagliari che non c’è” è realizzato dall’Associazione Marco Polo e da Imago Mundi Onlus, con il contributo del Comune di Cagliari Pagina Istituzionale, in collaborazione con Associazione Culturale Itzokor Onlus, Trip Sardinia, Crazy Ramblers Hot Jazz Orchestra, Emilia Agnesa, Tiziana Sassu e Sara Defraia.
Progetto a cura di Alessandra Spissu, Marta Littera e Marco Cabitza

Leave a Comment

© 2015 kalariseventi.com All rights reserved

Scroll to top