358° FESTA DI SANT’EFISIO – CAGLIARI – 1-2-3-4 MAGGIO 2014358th SANT’EFISIO FESTIVAL – CAGLIARI – MAY 1-2-3-4,2014 Reviewed by admin on . Il 1° Maggio 2014 Cagliari e tutta la Sardegna festeggiano la 358esima festa di Sant’Efisio. Un intenso momento di devozione, fede, cultura e tradizioni centena Il 1° Maggio 2014 Cagliari e tutta la Sardegna festeggiano la 358esima festa di Sant’Efisio. Un intenso momento di devozione, fede, cultura e tradizioni centena Rating: 0

358° FESTA DI SANT’EFISIO – CAGLIARI – 1-2-3-4 MAGGIO 2014358th SANT’EFISIO FESTIVAL – CAGLIARI – MAY 1-2-3-4,2014

cagliaris.efisioeventispecialeIl 1° Maggio 2014 Cagliari e tutta la Sardegna festeggiano la 358esima festa di Sant’Efisio.
Un intenso momento di devozione, fede, cultura e tradizioni centenarie che si fondono in una kermesse folkloristica che non ha eguali al mondo.

Efisio, Santo e Patrono di Sardegna, nato in Oriente, visse all’epoca dell’Imperatore Diocleziano nel III sec. d.C. e come soldato venne inviato nell’Isola per perseguitare i cristiani. La tradizione vuole però che una notte, sentendo una voce e vedendo apparire nel cielo una croce splendente, Efisio si convertì al cristianesimo e ne divenne difensore, disobbedendo agli ordini di Diocleziano il quale ne comandò il martirio che avvenne il 15 gennaio del 303 d.C. nella prigione di Nora.

Solo a seguito della terribile pestilenza del 1656 la ricorrenza dell’anniversario della sua morte, già oggetto di devozione e celebrazione, acquisì la solennità e lo sfarzo che tutt’oggi la caratterizzano. La situazione drammatica e la perdita di tante vite umanespinse la popolazione sarda ad unirsi nella preghiera per chiedere l’intercessione della Madonna di Bonaria e del Santo Martire Efisio, antico protettore della città di Cagliari.

san4

Oggi, come allora, in segno di gratitudine per la salute riconquistata, la città di Cagliari e tutta l’Isola, con una cerimonia solennissima, ripercorrono ogni tappa del Martirio del Santo Cagliaritano.

E’ da più di 300 anni infatti che ogni 1° di maggio, la popolazione sarda accompagna il suo Santo protettore in questa tradizionale ed originale processione, ripercorrendo il tragitto che dal carcere in cui venne imprigionato giunge nel luogo del martirio a Nora, per poi tornare alla sua Chiesa di Stampace nella quale sono tuttora custodite le sue reliquie.

Il corteo è sfarzoso. Composto da 3.500 persone in costume e provenienti dal Campidano, dalla Gallura, dall’Ogliastra, dal Sulcis, dal Logudoro e dalla Barbagia ed accompagnati da oltre 200 persone a cavallo suddivise nei tre gruppi principali dei Campidanesi, dei Miliziani e della Guardiania, oltre la scorta d’onore dei Mazzieri comunali, dell’AlterNos, del Clero, della Rappresentanza dell’Esercito e dei Carabinieri in alta uniforme, anch’essi tutti a cavallo.

Una delle fasi più suggestive del cerimoniale è la vestizione con ori e orpelli preziosi con la quale il Santo viene riccamente preparato per il suo viaggio. Tutto è perfettamente organizzato e pianificato nei minimi dettagli, persino la scelta dei buoi che traineranno il prezioso Cocchio del Santo e i loro ornamenti volutamente tenuti nascosti fino al 1° Maggio. Tuttavia l’unico modo di cogliere al meglio la maestosa solennità di questo Evento è unirsi alla viva partecipazione di tutta la popolazione sarda nel celebrare la grandezza del suo Santo protettore.

I protagonisti

L’Arciconfraternita

L’Arciconfraternita è un’associazione laica e popolare, fra le più antiche di Cagliari, istituita con bolla pontificia da Paolo III nel 1539. La sede era ed è tuttora la chiesa di Sant’Efisio nel rione di Stampace Bassa. Ne fanno parte centocinquanta soci iscritti, distinti in due rami: maschile e femminile.
La Guardianìa e il Terzo Guardiano

I membri della Guardianìa vengono anche chiamati dal popolo “Is Dottoris”, perché in passato ne facevano parte i notabili cittadini, e hanno il ruolo di scorta d’onore del Santo. Il Terzo Guardiano è il rappresentante della sagra e il principale responsabile della sua organizzazione.

L’Alter Nos

L’Alter Nos è il personaggio che rappresenta l’Autorità, e nella cerimonia simboleggia l’ufficialità del ringraziamento pubblico al Santo. Spesso si tratta di un assessore o un consigliere comunale delegato dal Sindaco. Indossa il Toson d’Oro, un medaglione in oro massiccio donato nel 1679 da Carlo II re di Sardegna e d’Aragona.
Le tre statue

Le statue del Santo custodite nella chiesa di Stampace sono tre. La più antica nel tempo (XVI secolo) è chiamata “Sant’Efis sballiau” ossia “Sant’Efisio sbagliato” perché presenta la croce impressa nella mano sinistra anziché nella destra. La seconda (XVII secolo) è quella che compare in pubblico nella Sagra di maggio, in cui il Santo è raffigurato nelle vesti di un giovane aristocratico spagnolo, con baffi e pizzetto. La terza fu realizzata nel XVIII secolo dallo scultore Giovanni Antonio Lonis, e mostra il Santo in vesti militari romane. è la statua che viene portata in processione il Lunedì dell’Angelo.

san2

La Processione Folkloristica

Il corteo del primo maggio viene aperto dalle traccas, carri trainati da buoi addobbati a festa. Alla sagra solitamente partecipano venti carri provenienti dal circondario di Cagliari. Seguono i gruppi folk in costume, a piedi, che recitano o cantano le preghiere della tradizione religiosa isolana, i goccius. Dietro i gruppi folk sfilano i cavalli.

Aprono i Cavalieri del Campidano, in sella a cavalli addobbati con coccarde e rosette. Quindi è la volta dei Miliziani, armati di archibugio e sciabole. Il corteo a cavallo prosegue con il corpo della Guardianìa, che sfila in frac nero, cilindro e fascia azzurra ai fianchi. In prima fila, il Terzo Guardiano regge il Gonfalone dell’Arciconfraternita. In frac e cilindro, con una fascia tricolore sui fianchi, procede l’Alter Nos, rappresentante del sindaco di Cagliari.

Quindi sfilano i membri dell’Arciconfraternita del Gonfalone, introdotti da un confratello che regge un crocifisso del ’700. Due confratelli, chiamati “i Collaterali”, hanno il compito di stare ai lati del cocchio durante tutto il percorso della sfilata, e aprono le porte quando si ferma per consentire ai fedeli di depositare all’interno fiori, offerte, ex-voto e suppliche.

L’arrivo del cocchio con il simulacro è annunciato dal suono delle launeddas. Il cocchio è trainato da un imponente giogo di buoi ornati da manti colorati e fiori e condotti da Su Carradori. In via Roma, di fronte al palco in cui siedono le autorità, il cocchio del santo procede su un tappeto di petali (sa ramadura), salutato dalle sirene delle navi attraccate al porto. è un momento molto emozionante, soprattutto per l’intervento della folla che si avvicina al Santo per la richiesta di una grazia. Quindi il cocchio continua il suo tragitto verso Nora accompagnato dai fedeli che hanno fatto voto di percorrere il cammino a piedi.

Programma:

Ore 10.00:

san3
I tradizionali carri del campidano, chiamati traccas, aprono la processione.
Seguono i molti diversi colori dei costumi sardi: 3500 persone in costume tradizionale provenienti da ogni parte dell’isola.
Sono 300 i cavalli che seguono in tre diversi gruppi: i Cavalieri campidanesi, i Miliziani, la Guardiania.

Ore 12.00
Partenza di Sant’Efisio attraverso il seguente percorso:
via Azuni, Piazza Yenne, Corso Vittorio Emanuele, Via Sassari, Piazza del Carmine, Via Crispi, Via G.M. Angioy, Via Mameli, Largo Carlo Felice, Via Roma (lato Comune), Via Sassari (parte bassa) Viale La Playa, Villaggio Pescatori, Giorgino, Chiesa di Sant’Efisio a Giorgino (ore 15:00).
Arrivo alla chiesa di Sant’Efisio a Giorgino viene sostituito il cocchio e vengono fatti indossare al Santo gli abiti da viaggio.
La Maddalena Spiaggia, processione lungo la Strada Provinciale sino al raccordo con Frutti D’oro e sosta con Santa Messa all’aperto nel piazzale antistante la Chiesa di Sant’Efisio a Su Loi.

san1

Breve sosta per i buoi.

Ripresa del viaggio sino a Villa D’Orri dove nella cappella di proprietà dei Marchesi di Villahermosa viene celebrata una celebrazione eucaristica in commemorazione dei defunti.
Benedizione e partenza per Sarroch luogo in cui il santo trascorre la notte nella chiesa omonima.

La processione Religiosa
Il pomeriggio del primo maggio i pescatori accompagnano il simulacro nel villaggio marino di Giorgino e qui la sosta avviene nella chiesetta della famiglia Ballero. Vengono rimossi i gioielli e si procede al cambio delle vesti, sostituite da altre più semplici. La statua viene trasbordata su un carro da viaggio, detto “cocchio di campagna”. Quindi si prosegue fino a Maddalena Spiaggia, dove i fedeli accorrono dalla vicina Capoterra (anticamente chiamata Villa Sant’Efisio). La terza tappa viene effettuata nella località detta “Su Loi”, con la celebrazione di una Messa.

Al tramonto la processione giunge nella Cappella della prestigiosa Villa d’Orri dei marchesi Manca di Villa Hermosa, dove viene officiata la benedizione eucaristica. Al termine il corteo riprende il viaggio e arriva a Sarroch. Il cocchio viene accompagnato fino alla chiesa di Santa Vittoria dove viene celebrata una messa solenne, e qui avviene il pernottamento.

Il 2 maggio il corteo arriva a Villa San Pietro, tappa introdotta durante la sagra del 1943, e successivamente a Pula. Il cocchio arriva verso mezzogiorno accolto dalle autorità civili e religiose. Sul ponte chiamato “Su Rondò” l’Alter Nos affida al Sindaco di Pula il compito di proseguire i festeggiamenti. Viene quindi celebrata una messa solenne nella chiesa di San Giovanni Battista. Una sosta davanti al cimitero e un’altra davanti alla chiesetta di San Raimondo e il Santo viene preso in consegna dall’Arciconfraternita e scortato fino a Nora, dove arriva verso le 21. Quindi il simulacro viene deposto in una nicchia.

Per tutta la giornata del 3 maggio avviene la commemorazione del Martire con messe e funzioni. Alle 18 ha luogo la processione lungo il litorale, durante la quale il Santo abbandona il cocchio e viene trasportato in spalla a rivisitare i luoghi del suo martirio.

Il 4 maggio è il giorno del rientro, e viene ripetuto il rituale d’andata.

Programma:

Giovedì, 1 maggio 2014 – 358^ Festa di Sant’Efisio:

Chiesa di Sant’Efisio – Via Sant’Efisio:

Ore 11.00 Messa dell’Alter Nos

Ore 12.00 Partenza di Sant’Efisio dalla Chiesa

Piazza del Carmine:

Ore 18:00 – Festa delle Tradizioni – La festa del ballo popolare vedrà la partecipazione di 24 gruppi folcloristici provenienti da tutto il territorio regionale, i Tenores di Bitti e di Oniferi, Luigi Lai, Ignazio Erbì, i canti logudoresi e alcune formazioni strumentali. In questa edizione il pubblico potrà assistere, per la prima volta, alle principali espressioni del ballo sostenuto dai principali moduli musicali presenti nell’Isola.

2 MAGGIO
Ore 08:00
Santa Messa
Partenza per Villa San Pietro.
Processione, messa e partenza per Pula: le autorità municipali, l’Arciconfraternita ed i fedeli attendono il Santo per cominciare la processione lungo il paese.
Messa e Pranzo.

Ore 18:00
Celebrazione della Santa Messa prima della partenza del simulacro per Nora.
Festa davanti al simulacro per commemorare i defunti.
Sosta davanti al cimitero per commemorare i defunti.
Benedizione nella Chiesa di San Raimondo.
Partenza per Nora, sosta del simulacro vicino al comando della Marina Militare, ammaina bandiera e successiva partenza per Nora per la celebrazione della Santa Messa.

3 MAGGIO
Ore 07:30
Sante Messe fino alle ore 11:00 celebrate dall’ordinario diocesano all’aria aperta.
Ore 18:30
Processione con il simulacro lungo il percorso che porta agli scavi di Nora per poi rientrare alla spiaggia.
Santa Messa e partenza per Pula.

4 MAGGIO
Ore 08:00
Partenza da Pula dopo la Santa messa per arrivare a Cagliari alle 22:30 circa.

Dalle ore 20.00 – 358^ Festa di Sant’Efisio: Rientro in città del cocchio col simulacro del Santo. Nella chiesetta di Stampace, rito religioso in latino e “goccius” in onore del Santo Informazioni per i riti religiosi.

5 Maggio
Santa Messa.

Pomeriggio dal 5° al 25° giorno Novenario in onore del Santo.

Il 22 maggio si trascorrono 40 ore di venerazione del Santo ed in questa occasione viene letto il rosario che ripercorre tutta la vita di Efisio.

Il giorno 25 maggio si chiude ufficialmente la celebrazione delle festività in onore di Sant’Efisio.

sant_efisio_programmaa4_2014_x_web-page-001

sant_efisio_programmaa4_2014_x_web-page-002

sant_efisio_programmaa4_2014_x_web-page-003

sant_efisio_programmaa4_2014_x_web-page-004

PERCORSOcagliaris.efisioeventispecialeOn 1 May 2014 and the whole of Sardinia Cagliari celebrated the feast of 358esima Ephisius .
An intense moment of devotion , faith, culture and ancient traditions that come together in a folk festival that has no equal in the world.

Efisio , and Patron Saint of Sardinia , born in the East , he lived at the time of the Emperor Diocletian in the third century . A.D. and as a soldier he was sent to the island to persecute Christians . According to tradition , however, that one night, hearing a voice and seeing a cross shining in the sky appear , Ephisius converted to Christianity and became the defender, disobeying the orders of Diocletian which he commanded the martyrdom which took place on January 15, 303 AD in the prison of Nora.

Only after the terrible plague of 1656 the anniversary of his death , already the object of worship and celebration, acquired the solemnity and pomp that still characterize it. The dramatic situation and the loss of so many lives umanespinse the Sardinian population to unite in prayer asking for the intercession of Our Lady of Bonaria and of the Holy Martyr Ephisius , the protector of the ancient city of Cagliari.

san4

Today, as then, in gratitude for the health regained , the city of Cagliari and the whole island, with a solemn ceremony , tracing each stage of the Martyrdom of the Holy Cagliari .

E ‘for more than 300 years in fact, that every 1st of May, the Sardinian population accompanies his patron saint in this traditional and original procession , retracing the route that the prison in which he was imprisoned in the place of martyrdom comes to Nora , and then return to his Church Stampace where his relics are still preserved .

The parade is gorgeous. Consisting of 3,500 people in costume and coming from Campidano from Gallura , dall’Ogliastra from Sulcis from Logudoro and Barbagia and accompanied by more than 200 people at the turn divided into three main groups of Campidanesi , and of the Militia of the Caretaker , as well as the honor guard of Mazzieri municipal dell’AlterNos , the clergy, the Representation of the Army and Carabinieri in full uniform, also all on horseback .

One of the most striking is the ceremonial investiture with gold and precious trappings with which the saint is richly prepared for his journey . Everything is perfectly organized and planned in every detail, even the choice of the oxen that will drive the Chariot of the saint and their precious ornaments deliberately kept hidden until May 1st . However, the only way to capture the best majestic solemnity of this event is to join the active participation of the entire population of Sardinia in celebrating the greatness of his patron saint .

The protagonists

san2

The Confraternity

The Confraternity is a secular association and popular, among the oldest of Cagliari , established by papal bull by Pope Paul III in 1539. The venue was and still is the church of Ephisius in the district of Lower Stampace . This includes one hundred and fifty registered members, divided into two branches: male and female.
The Guardianìa and the Third Guardian

The members of the Guardianìa are also called by the people ” Is Dottoris ,” because in the past were part of notable citizens , and have the role of escort of honor of the saint. The Third Guardian is the representative of the festival and the main responsible for its organization .
The Alter Nos

The Alter Nos is the character that represents the Authority , and the ceremony symbolizes the official public thanksgiving to the Saint. Often it is a councilor or councilor delegated by the Mayor. He wears the Golden Fleece , a solid gold medallion donated in 1679 by Charles II , King of Sardinia and of Aragon.
The three statues

The statues kept in the church of the Holy Stampace are three . The oldest time (sixteenth century) is called ” Sant’Efis sballiau ” or ” Ephisius wrong” because it presents the cross imprinted in his left hand instead of the right. The second ( seventeenth century ) is the one that appears in public in the Festival in May, where the saint is depicted as a young Spanish aristocrat , with a mustache and goatee. The third was built in the eighteenth century by the sculptor Giovanni Antonio Lonis , and it shows in the Holy Roman military dress . is that the statue is taken in procession on Easter Monday .

The Procession of Folk

The parade is open from May 1 traccas , oxcarts festively decorated . At the festival usually involving twenty wagons from the district of Cagliari. The following are the folk groups in costume , walking, singing or reciting the prayers of the religious tradition of the island , the goccius . Behind the folk groups parade horses.

Open the Knights of Campidano, riding horses adorned with ribbons and rosettes. Then it was the turn of the militiamen , armed with musket and saber . The procession on horseback continues with the body of Guardianìa , parading in black tailcoat , cylinder and blue band at the hips . In the first row , the Third Guardian holding the Banner of the arch . In top hat and tails , with a tricolor flag on the sides , the proceeds Alter Nos, representative of the Mayor of Cagliari.

Then a procession of members of the Arch of the Banner , introduced by a brother holding a crucifix of 700. Two brothers , called the ” Collateral ” , have a duty to stand at the side of the chariot throughout the parade route , and open the door when he stops to allow the faithful to file within flowers , offerings, votive offerings and supplications .

The arrival of the chariot with the statue is announced by the sound of launeddas . The chariot is pulled by imposing a yoke of oxen decorated with flowers and colored mantles and conducted by Su Carradori . By way of Rome, in front of the stage where they sit authorities , the chariot of the saint goes on a carpet of petals (sa ramadura ) , hailed by the sirens of ships docked at the port . is a very exciting time , especially for the intervention of the crowd that comes close to the Holy request for a pardon . So the coach continues its journey towards Nora accompanied by the faithful who have vowed to take the path on foot.

program:

10.00:
The traditional wagons campidano called traccas , lead the procession .
The following are the many different colors of Sardinian costumes : 3,500 people in traditional costumes from all over the island.
There are 300 horses in the following three groups : the Knights campidanesi , the Militia , the Caretaker .

12.00
Out of Ephisius through the following path:
Azuni away , Piazza Yenne, Corso Vittorio Emanuele, Via Sassari , Piazza del Carmine , Via Crispi , Via GM Angioy , Via Mameli, Largo Carlo Felice , Via Roma ( City side ), Via Sassari ( lower part) La Playa Avenue , Fishermen’s Village , Georgie , Church of Ephisius to Georgie ( 15:00 ) .
Check in Georgie Ephisius the church of the chariot is replaced and are made to wear the Holy traveling clothes .
La Maddalena Beach, procession along the provincial road until the junction with Golden Fruits and park with outdoor Mass in the square opposite the Church of Ephisius Su Loi .

Short stop for the oxen .

Resuming the journey up to the Villa d’Orri in the chapel where the property of the Marquis of Villahermosa is celebrated a Mass in commemoration of the dead .
Blessing and departure for Sarroch place where the saint spent the night in the church of the same name .

The Religious Procession
On the afternoon of May fishermen accompany the statue in the seaside village of Georgie and the rest is done here in the church family Ballerò . The jewels are removed and proceed to the change of clothes, replaced by more simple . The statue is transhipped on a chariot, he said ” chariot of the country .” So you go up to Maddalena Beach, where the faithful flock from nearby Capoterra ( formerly called Villa Ephisius ) . The third stage is carried out in the locality called ” Su Loi ,” with the celebration of a Mass .

san3

At dusk the procession arrives at the Chapel of the prestigious Villa d’Orri missing the Marquis of Villa Hermosa , where it is celebrated the Eucharistic blessing . At the end of the procession resumed the trip and get to Sarroch. The chariot is accompanied to the church of Santa Vittoria, where a solemn mass is celebrated , and here takes place overnight.

On May 2, the procession arrives at Villa San Pietro , stage introduced during the festival in 1943 , and subsequently in Pula . The chariot arrives around noon welcomed by civil and religious authorities . On the bridge called ” On Rondo ” Alter Nos entrusted to the Mayor of Pula the task of continuing the festivities. Is then celebrated a solemn Mass in the church of San Giovanni Battista. A stop in front of the cemetery and another in front of the church of San Ramon and the saint is taken over dall’Arciconfraternita and escorted to Nora , where he arrived around 21 . So the statue is placed in a niche.

Throughout the day of May 3, takes the commemoration of Martyr with masses and functions. At 18, the procession takes place along the coast, during which the Holy abandon the chariot and is transported back to revisit the place of his martyrdom .

On May 4 is the day of return , and the ritual is repeated leg .

program:

May 2
08:00

san1
Mass
Departure to Villa San Pietro .
Procession, Mass and departure to Pula municipal authorities, the Confraternity and the faithful are waiting for the Holy begin the procession through the village .
Mass and lunch .

18:00
Celebration of the Mass before the start of the simulacrum for Nora.
Feast in front of the statue to commemorate the dead.
Stop at the cemetery to commemorate the dead.
Benediction in the Church of St. Raymond .
Departure for Nora , stop the statue next to the command of the Navy, lowering of the flag and then leave for Nora for the celebration of the Holy Mass .

May 3
07:30
Mass until 11:00 am celebrated by the diocesan ordinary air.
18:30
Procession with the statue along the path that leads to the ruins of Nora and then return to the beach.
Mass and departure to Pula .

May 4
08:00
From Pula after Mass to get to Cagliari at around 22:30 .

May 5
Mass .

Afternoon from the 5th to 25th day novena in honor of the saint.

On May 22 you spend 40 hours of veneration of the saint and on this occasion it will read the rosary spanning the entire life of Ephisius .

On May 25, officially closes the calebrazione holiday in honor of Ephisius .

sant_efisio_programmaa4_2014_x_web-page-001

sant_efisio_programmaa4_2014_x_web-page-002

sant_efisio_programmaa4_2014_x_web-page-003

sant_efisio_programmaa4_2014_x_web-page-004

PERCORSO

Leave a Comment

© 2015 kalariseventi.com All rights reserved

Scroll to top